Accesso civico semplice e generalizzato

ACCESSO CIVICO SEMPLICE

Chiunque ha il diritto di richiedere documenti, informazioni o dati oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente nei casi in cui le pubbliche amministrazioni ne hanno omesso la pubblicazione sul proprio sito web (art.5, comma1, del d.lgs.n.33/2013).

L’accesso civico, quindi, è circoscritto ai soli atti, documenti e informazioni oggetto di obblighi di pubblicazione.

MODALITÀ PER L’ESERCIZIO DELL’ACCESSO CIVICO SEMPLICE

La richiesta di accesso civico semplice non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, non deve essere motivata, è gratuita e va presentata al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT) dott. Gian Luca Della Valle. L'istanza può essere trasmessa anche per via telematica, secondo le modalità previste dal d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82, e ss.mm.ii., compilando il Modulo di istanza di accesso civico semplice unitamente alla scansione di un valido documento d’identità, ed inoltrandola al seguente indirizzo di posta elettronica: accesso.civico@pec.aequaroma.it all'attenzione del Responsabile della Trasparenza Gian Luca Della Valle.

In caso di accoglimento, la Società entro 30 giorni procede all’inserimento sul sito dei dati, delle informazioni o dei documenti richiesti e li trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al richiedente l’avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto nell’istanza presentata. Se il documento risulta già pubblicato, la Società indica il relativo collegamento ipertestuale.

 In caso di ritardo o mancata risposta, il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo di cui all’art. 2, c. 9 bis L. 241/1990.

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO

Chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall'art. 5 bis d.lgs. n. 33/2013. Tale tipologia di accesso civico è stata prevista con la finalità di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico (art. 5, comma 2, del d.lgs. n. 33/2013).

L’accesso civico generalizzato è, quindi, esercitabile relativamente ai dati e documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli per i quali già sussiste uno specifico obbligo di pubblicazione.

MODALITÀ PER L’ESERCIZIO DELL’ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO

La richiesta di accesso civico generalizzato non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, non deve essere motivata ed è gratuita.

L'istanza deve essere trasmessa ad Æqua Roma SpA compilando il Modulo di istanza di accesso civico generalizzato e inviata con le seguenti modalità tra loro alternative:

  • per via telematica, ai sensi del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82, e s. m., all’indirizzo di posta elettronica certificata accesso.civico@pec.aequaroma.it e all'indirizzo e-mail del Responsabile dell'Ufficio competente (Riferimenti Uffici);
  • all’indirizzo postale: Æqua Roma SpA– Ufficio protocollo – Via Ostiense, n. 131/L, 00154 Roma;
  • presentata direttamente all’Ufficio protocollo di Æqua Roma SpA.

In caso di accoglimento, Æqua Roma allega alla risposta i dati e i documenti richiesti. L’istante, in caso di diniego totale o parziale dell’accesso o di mancata risposta entro trenta giorni dalla presentazione della richiesta, può presentare domanda di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che decide con provvedimento motivato entro il termine di venti giorni.

La decisione dell'amministrazione sulla richiesta e il provvedimento del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza possono essere impugnate davanti al Tribunale Amministrativo Regionale ai sensi dell’articolo 116 del Codice del processo amministrativo del del d.lgs. 2 luglio 2010, n. 104.

Contenuto inserito il 13-05-2020 aggiornato al 07-06-2021
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Via Ostiense 131 L - 00154 Roma (RM)
PEC aequaroma@pec.aequaroma.it
Centralino 06571311
P. IVA 08670661001
Linee guida di design per i servizi web della PA